LA LEGGENDA DELLA PICCOLA CAMPANA DI SAN MICHELE

Quando due miglia della Piccola Marina, gli uomini, pescando al chiaro di luna, udirono un rintocco provenire da lontano sull'acqua e furono molto sbalorditi.  Dopo un po ', però, i loro cuori tremarono, perché sentirono che la voce della campanella della chiesa di San Michele, ora completamente rintoccata, non poteva essere udita così lontano in mare, e pensarono che potesse significare che fosse accaduto qualcosa di terribile.  sull'isola.  Immediatamente voltarono la loro barca verso la costa e notarono che il suono del rintocco diventava sempre più forte.  Giunti al lido di Marina Piccola, videro radunarsi una folla immensa che gridò loro la grande notizia: «La campana della chiesa di San Michele batteva senza essere toccata da mano umana né oscillata avanti e indietro dal vento.  »Non appena gli ultimi pescatori arrivarono a riva, il suono cessò e all'improvviso un violento uragano si abbatté sull'Isola.  Onde enormi si alzarono, come braccia mostruose, e proprio nel punto in cui i pescatori stavano per gettare le reti, videro due briciole, più alte dei monti di Capri, cominciare a correre, una dopo l'altra, sul mare.  I pescatori che si erano salvati dalla furia delle onde, si inginocchiarono per ringraziare il campanellino di San Michele, che li aveva portati sani e salvi a casa.  Quando il mare si fu calmato, i pescatori si precipitarono a riva dove trovarono migliaia e migliaia di pesci, alcuni ancora che cadevano dal cielo, dove li avevano sollevati le briciole.  Per secoli e secoli nessuno aveva mai visto una pesca così facile e abbondante.  Da quel giorno benedetto, la campanella è stata riprodotta come portafortuna e regalata alle persone amate per portare loro fortuna in abbondanza.  È stato dato a un giornale nell'anno (1793)